Regolamento cartolarizzazioni

30 maggio 2017

Commissione, Parlamento e Consiglio UE hanno raggiunto un accordo sulla bozza di regolamento in materia di cartolarizzazione. La misura rientra nel progetto Capital Market Union e punta alla creazione di un contesto normativo europeo teso a favorire un processo di cartolarizzazione trasparente ed efficiente. Il pacchetto normativo contiene anche modifiche al regolamento 575/2013 concernente i requisiti di capitale per le banche e le società di investimento. 
Il nuovo regolamento sarà oggetto di formale approvazione da parte del Parlamento UE e del Consiglio UE e dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della UE diventerà operativo.

Proposta regolamento cartolarizzazioni 
Regolamento 575/2013

Reg. EuVECA e EuSEF

30 maggio 2017

Commissione, Parlamento e Consiglio UE hanno raggiunto l’accordo sulla revisione dei regolamenti EuVECA e EuSEF, avviatasi a giugno 2016 con la pubblicazione da parte della Commissione UE degli emendamenti ai vecchi regolamenti. Si completa così uno dei tasselli fondamentali della Capital Market Union. Con le nuove norme potranno istituire e gestire fondi con le etichette EuVECA e EuSEF anche asset managers con oltre 500 milioni di AUM. I gestori di fondi EuVECA potranno investire in titoli mid-small cap e SME quotate, incrementando la diversificazione e l’efficienza dei portafogli di tali fondi. Sarà inoltre proibito alle autorità degli stati ospiti in cui i fondi EuVECA e EuSEF operano di imporre commissioni nel caso in cui tali autorità non svolgano alcuna attività di vigilanza.
I nuovi regolamenti saranno oggetto di formale approvazione da parte del Parlamento UE e del Consiglio UE e dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della UE diventeranno operativi. 

Regolamenti EuVECA e EuSEF 

European Systemic Risk Board: revisione Regolamento EMIR

21 maggio 2017

L’European Systemic Risk Board ha inviato un parere alla Commissione UE sulla revisione del Regolamento EMIR. In merito all’esenzione dal clearing presso CCP delle categorie di derivati indicati da ESMA, l’organo di supervisione macroprudenziale si esprime contro la definitiva esenzione dei Fp da tale obbligo e ribadisce l’invito a Fp e CCP di utilizzare gli spazi temporali concessi dalla Commissione UE per trovare una soluzione all’adeguatezza dei sottostanti da utilizzare per il clearing.

ESRB: Revision of the European Market Infrastructure Regulation  

EIOPA: Stress test 2017

18 maggio 2017

Con un workshop pubblico ha preso avvio il secondo ciclo di stress test per i fondi pensione organizzato da EIOPA. Gli stress test si pongono come obiettivo quello di evidenziare eventuali rischi e vulnerabilità derivanti dall’attività dei fondi pensione per gli aderenti, per i mercati finanziari e l’economia reale. Le ipotesi dell’esercizio sono state predisposte in cooperazione con l’European Systemic Risk Board e combinano gli effetti derivanti da una diminuzione del tasso risk free con il deprezzamento del valore degli asset in portafoglio (double-hit scenario). Lo stress test coprirà tutti i paesi dell’Unione in cui i fondi di previdenza complementare superano i 500 milioni di patrimonio; l’obiettivo di EIOPA è quello di raggiungere un tasso di partecipazione di almeno il 50% degli asset in tutti i paesi partecipanti. L’esercizio interesserà con modalità differenti sia gli schemi a prestazione definita si i piani a contribuzione definita. Le informazioni richieste dovranno essere inviate a EIOPA entro il prossimo 13 luglio, la pubblicazione dei dati, sempre in forma aggregata, è prevista per fine 2017.

Approfondimento Blog Mefop - Al via gli stress test EIOPA
Documentazione e calendario degli stress test 

Commissione UE: revisione Regolamento EMIR

04 maggio 2017

La Commissione UE ha avviato il processo di revisione del Regolamento EMIR che definisce gli obblighi per i sottoscrittori di contratti derivati OTC. Per quanto attiene ai Fondi pensione, ricompresi tra le controparti finanziarie e quindi soggetti delle previsioni del regolamento, la bozza di revisione contiene la proposta di una ulteriore proroga triennale dall’obbligo di compensazione presso Controparte Centrale delle categorie di derivati OTC individuati da ESMA. Tale previsione è al momento sospesa fino ad agosto 2018. 
La temporanea esenzione dal clearing ex art.4 Reg. EMIR punta a dare ulteriore tempo ai Fondi pensione e alle Controparti Centrali per trovare una soluzione al problema dell’uso di strumenti finanziari  di elevato standing in alternativa alla liquidità come collaterale per la marginazione.   

CommissioneUE_RevisioneEMIR Comunicato Commissione UE 
CommissioneUE_Proposta di revisione del Regolamento 
CommissioneUE_Allegato alla proposta di revisione del Regolamento 
CommissioneUE_Impact assessment revisione