Pensions and Fertility: Back to the Roots

01 settembre 2014

La teoria economica ha dimostrato l’evidenza di una correlazione negativa tra il tasso di fertilità dei paesi sviluppati e il sistema pensionistico pubblico. Il paper della Banca Centrale Europea conferma tale legame e ne attribuisce le motivazioni al pagamento dei contributi alla previdenza pubblica (che riduce l’ammontare di reddito disponibile) e all’incertezza sul reddito che sarà disponibile in futuro (che è legato al tasso di rendimento del sistema previdenziale statale).

Scarica TassiFertilità_PrevidenzaPubblica

Picking winners? Investment consultants’ recommendations of fund managers

27 giugno 2014

L’analisi delle scelte di investimento dei gestori di fondi pensione evidenzia il ruolo rilevante assunto dai consulenti nell’attività di stock picking. Lo studio evidenzia che le indicazioni dei consulenti si basano principalmente sulle caratteristiche specifiche degli istitutori di fondi (team di gestione, modelli di investimento, ecc.) piuttosto che dalle performance del passato dei fondi. Inoltre, alle forme di investimento raccomandate dai consulenti non si associano performance positive rispetto a quelle non consigliate.
Picking winners? Investment consultants’ recommendations of fund managers

Cognitive ability, Expectations, and Beliefs about the Future: Psychological Influences on Retirement Decisions

27 giugno 2014

Lo studio, riferito alla realtà Usa, evidenzia che gli individui con più elevate capacità cognitive hanno maggiori probabilità di ritardare il pensionamento, al pari degli individui che hanno maggiori aspettative di longevità. Di contro, gli individui contraddistinti da minori capacità cognitive hanno aspettative meno coerenti di pensionamento, suggerendo per questi ultimi la necessità di una più attenta pianificazione previdenziale.
Cognitive ability, Expectations, and Beliefs about the Future: Psychological Influences on Retirement Decisions

Is pension coverage a problem in the private sector?

27 giugno 2014

Alcune survey evedenziano che circa l’80% dei lavoratori americani pubblici e privati hanno accesso a un piano pensionistico. Tuttavia i dati sulle effettive iscrizioni ai fondi pensioni evidenziano tassi di adesioni molto più bassi, soltanto il 50% dei potenziali aderenti contribuisce a un fondo pensione. Anche negli Usa, quindi, le adesioni ai fondi pensione si presentano particolarmente sperequate e asimmetriche.
Is pension coverage a problem in the private sector?

Lower Income Individuals without Pensions? Who Misses Out and Why?

27 giugno 2014

Partendo dalle evidenze che mostrano una maggiore adesione ai piani pensionistici complementari da parte dei lavoratori con reddito più elevato, lo studio evidenzia che la più contenuta partecipazione dei lavoratori con redditi più bassi dipende da una maggiore diffusione della disoccupazione, oltre che dalla minore probabilità di essere impiegati presso una azienda che offre la partecipazione a un fondo pensione. L’aumento dei tassi di adesione, quindi, dipenderebbe soprattutto da un aumento dei livelli occupazionali e dalla “qualità” di tale nuova occupazione.
Lower Income Individuals without Pensions? Who Misses Out and Why?