Consumi e risparmi in Italia durante la pandemia di Covid-19

22 giugno 2021

Il lavoro, edito nella collana delle Questioni di Economia e Finanza (Occasional Papers) della Banca d’Italia (N. 620) evidenzia come, dopo lo scoppio della pandemia di Covid-19, i consumi delle famiglie sono diminuiti drasticamente e la propensione al risparmio è salita a livelli senza precedenti.

A livello aggregato emerge che soltanto la metà del crollo dei consumi privati ​​può essere spiegata dal deterioramento delle condizioni economiche.

Il contributo residuo è riconducibile ad altri fattori legati alla pandemia come la paura dell'infezione, le politiche di confinamento e una maggiore incertezza sul futuro. La rilevanza di tali fattori varia a seconda della categoria di spesa.

Integrando l'analisi macro con microdati dell’Indagine speciale sulle famiglie italiane condotta dalla Banca d'Italia, si evidenzia che, al di là di ragioni economiche, la spesa è frenata più dalla paura del contagio e dall'incertezza sul futuro che dalle misure restrittive. Le famiglie in cui il capofamiglia svolge un’attività lavorativa indipendente sono scoraggiate soprattutto dalla paura del contagio e dall'incertezza. Di contro, qualora il capofamiglia sia disoccupato le famiglie sono più preoccupate per la loro situazione economica generale.

Consumi e risparmi in Italia durante la pandemia di Covid-19

Pension Funds and Drivers of Heterogeneous Investment Strategies

18 maggio 2021

Il lavoro, edito nella collana dei Working Papers della Banca centrale dei Paesi Bassi (N. 712) analizza le strategie di investimento di un campione di Fp con obiettivi di rendimento paragonabili, verificando la loro esposizione ai fattori di rischio nell’ambito dei portafogli azionari e obbligazionari.

Gli autori evidenziano una sostanziale eterogeneità nei livelli di esposizione ai fattori di rischio che si riflette nelle differenze di rendimento annuali che oscillano tra 1,31% e 2,35%.

Dal lavoro emerge che i funding ratio, l'avversione al rischio e la lunghezza delle passività spiegano il 36% di eterogeneità dei livelli di rendimento.
Il restante 64% è da attribuire alle differenze nelle convenzioni di gestione che i Fp hanno sottoscritto con le società di gestione patrimoniale. Le convenzioni hanno quindi importanti implicazioni economiche per i beneficiari.

Pension Funds and Drivers of Heterogeneous Investment Strategies

Have scale effects on cost margins of pension fund portfolios disappeared?

22 aprile 2021

I costi di investimento dei fondi pensione sono fondamentali per i loro rendimenti. Il consolidamento nel mercato dei fondi pensione procede continuamente, spesso motivato da ragioni di efficienza. Le economie di scala inutilizzate nei costi di investimento dei fondi pensione sono però scese negli anni a valori prossimi allo zero, fatta eccezione per i fondi pensione molto piccoli. Il Working Paper esamina le economie di scala degli investimenti nei Paesi Bassi e presta particolare attenzione alla relazione non lineare tra i costi di investimento e le dimensioni dei fondi pensione. I costi di investimento sono disaggregati in tre tipologie e in sei classi di attivo. Le commissioni di performance sono pagate soprattutto per le asset class più complesse detenute da grandi fondi pensione riducendo i margini per la realizzazione di economia di scala. I risparmi sui costi mediante il consolidamento sono ancora possibili, ma sono molto limitati.

Have scale effects on cost margins of pension fund investment portfolios disappeared?

Cosa spinge gli investitori a cercare rendimenti elevati?

22 aprile 2021

Il Working Paper n. 1334 pubblicato sulla collana dei Temi di discussione della Banca d’Italia analizza la relazione tra i rendimenti conseguiti e le scelte di investimento dei piccoli imprenditori statunitensi utilizzando dati pubblici sui fondi pensione privati relativi al periodo 1999-2017.

Lo scopo è di valutare se questi imprenditori si comportino come agenti razionali nelle decisioni di allocazione del risparmio previdenziale, in linea con quanto previsto dai modelli di ciclo vitale circa i criteri di massimizzazione del consumo in presenza di vincoli di bilancio. All'aumentare del rendimento del fondo pensione gli imprenditori reagiscono aumentando i relativi contributi molto più di quanto previsto dai modelli di ciclo vitale. Questo comportamento non dipende dalle condizioni macroeconomiche, dal livello di educazione finanziaria, dai costi di transazione o dall'assenza di informazioni; è invece possibile spiegarlo nell'ipotesi che a uno shock positivo del rendimento del fondo si associa la percezione di un aumento permanente dei rendimenti attesi.

What drives investors to chase returns?

Measuring and Managing ESG Risks in Sovereign Bond Portfolios and Implications for Sovereign Debt Investing

08 aprile 2021

Negli ultimi dieci anni, gli investimenti sostenibili hanno acquisito slancio e continuano a crescere in popolarità tra gli investitori; è sempre più riconosciuto il fatto che il sistema finanziario abbia un ruolo particolarmente importante nello stimolare la transizione verso un'economia a basse emissioni di carbonio e resiliente ai cambiamenti climatici. La sostenibilità nel settore finanziario sta diventando mainstream e sta rimodellando i mercati globali.

Il Working Paper analizza l'impatto dei fattori ESG sul rischio e sul rendimento delle obbligazioni sovrane dal punto di vista degli investitori, misurando in particolare come verificare e gestire i rischi EGS nei portafogli di obbligazioni sovrane e le loro implicazioni per le strategie di portafoglio delle obbligazioni sovrane.

Measuring and Managing ESG Risks in Sovereign Bond Portfolios and Implications for Sovereign Debt Investing