Financial Sophistication and Conflicts of Interest: Evidence from the Investment Menus Offered in 401(k) Plans

01 giugno 2019

Il WP Netspar analizza le scelte d’investimento dei piani 401(k) offerti ai dipendenti di aziende finanziarie e non finanziarie verificando gli effetti dei potenziali conflitti di interesse dei soggetti gestori di tali piani. In genere i piani offerti ai dipendenti del settore finanziario investono meno risorse in strumenti finanziari di emittenti legati ai gestori del piano 401(k) rispetto a quelli offerti ai dipendenti di aziende non appartenenti al settore finanziario. Nel selezionare i fondi comuni in cui investire, inoltre, nei piani offerti ai dipendenti di aziende finanziarie si ravvisa una maggiore attenzione ai rendimenti passati e i conflitti d’interesse degli amministratori sono statisticamente meno rilevanti.

Financial Sophistication and Conflicts of Interest: Evidence from the Investment Menus Offered in 401(k) Plans

Size and distributional pattern of pension-related tax expenditures in European countries

20 dicembre 2018

Il Wp Circle n. 4 (Care and Income Redistributive Cycles in the Lives of Europeans) analizza l'impatto fiscale e distributivo delle tax espenditures a beneficio dei regimi pensionistici contributivi pubblici e privati. Le spese fiscali tendono ad essere progressive su due livelli: in primo luogo, tra i pensionati, favorendo quelli con redditi più bassi, soprattutto grazie al trattamento preferenziale riservato ai redditi da pensione; e, in secondo luogo, tra le persone in età lavorativa, attraverso una deduzione parziale o nulla dei contributi pensionistici, spostando le risorse dalle classi di reddito più elevate a quelle meno abbienti. Inoltre, dispiegando i loro effetti nel lungo periodo, le spese fiscali tendono a ridistribuire le risorse a favore delle donne e degli individui scarsamente istruiti.

Size and distributional pattern of pension-related tax expenditures in European countries

La ricchezza delle famiglie in sintesi: l'Italia e il confronto internazionale

06 novembre 2018

Il lavoro, pubblicato sulla collana delle Questioni di Economia e Finanza della Banca d’Italia (n.470) studia l'evoluzione della ricchezza delle famiglie in una prospettiva di lungo periodo. L'obiettivo è confrontare i cambiamenti del portafoglio finanziario e delle attività non finanziarie in Italia con le dinamiche delle principali economie avanzate. Un'attenzione particolare è rivolta all'analisi delle variazioni della ricchezza finanziaria, distinguendo il contributo fornito dalle oscillazioni dei prezzi degli strumenti - guadagni o perdite in conto capitale - dal contributo dei flussi di risparmio.

In Italia la ricchezza reale è 5,5 volte il reddito disponibile, con le abitazioni che contano per 4,6 volte; la ricchezza finanziaria è 3,8 volte il reddito disponibile. La ricchezza totale lorda è quindi circa 9,3 volte il reddito disponibile. Tenendo conto delle passività, pari all'80 per cento del reddito disponibile, la ricchezza totale netta delle famiglie è 8,5 volte il reddito. In Italia, le attività finanziarie sono, in rapporto al reddito disponibile, in linea con la Francia, più alte che in Spagna e Germania, inferiori rispetto a Stati Uniti, Giappone, Regno Unito e Canada.

La ricchezza delle famiglie in sintesi: l’Italia e il confronto internazionale

Pension Funds Interconnections and Herd Behavior

30 ottobre 2018

Il lavoro, pubblicato sulla collana dei Wp della Banca Centrale dei Paesi Bassi (Wp n. 612) e basato sui dati della governance di 191 Fp olandesi, studia l'effetto delle interconnessioni sulle decisioni di investimento nel settore degli alternativi. Le interconnessioni sono determinate dalla presenza di soggetti dominanti che forniscono servizi di investimento, amministrativi, consulenziali a più Fp. I Fp che sono interconnessi tramite attuari o gestori patrimoniali dominanti cambiano le loro scelte di investimento strategiche nella stessa direzione nel corso del tempo, evidenziando la presenza di comportamenti imitativi. L'effetto i tali interconnessioni può risultare considerevole.

Un Fp interconnesso con altri due Fp attraverso lo stesso asset manager dominante aumenterà in media la sua allocazione in investimenti alternativi del 2,5% se entrambi i Fp aumentano la loro allocazione del 10% nella medesima classe, ferma restando l’allocazione nelle altre classi di attivo. La presenza di herding behavior può portare i Fp a sviluppare un portafoglio alternativo che non sia in linea con la struttura, le dimensioni o il livello di conoscenza delle sue passività.

Pension Funds Interconnections and Herd Behavior

 

La previsione dei prezzi degli immobili residenziali in Italia

01 ottobre 2018

Il lavoro, pubblicato sulla collana delle Questioni di Economia e Finanza della Banca d’Italia (n.463) valuta la capacità previsiva di diversi modelli dei prezzi delle abitazioni in Italia. In particolare si confrontano le previsioni di tre modelli ottenute sia tenendo conto dell'andamento di alcune variabili macroeconomiche (come il reddito disponibile delle famiglie o i mutui) sia non considerando tale informazione. I modelli sono stimati sulla base di dati trimestrali. La valutazione delle previsioni è effettuata sul periodo 2005-16.

I modelli considerati non presentano differenze significative nelle previsioni un trimestre in avanti. Su un orizzonte compreso tra uno e tre anni, quando i prezzi risultano influenzati principalmente dalle determinanti macroeconomiche, le previsioni più accurate sono ottenute tenendo conto delle informazioni sull'andamento del reddito disponibile e dei mutui per l'acquisto dell'abitazione. Il loro contributo alle previsioni varia nel tempo.

Forecasting house prices in Italy