Home > Blog > Adesione e collocamento: le novità Covip per il 2017

Blog Mefop

Adesione e collocamento: le novità Covip per il 2017

27/09/2016 - Lorenzo Ciceronessun commento

Con il Regolamento del 25 maggio 2016, l’Autorità di vigilanza sui fondi pensione ha ridefinito le regole per l’adesione e per il collocamento dei prodotti previdenziali.

La nuova disciplina riguarda tutte le forme pensionistiche, compresi i fondi preesistenti dotati di soggettività giuridica che operino in regime di contribuzione definita e che siano aperti alla raccolta di nuove adesioni con un numero di iscritti attivi superiore a 5000 unità alla fine dell’anno precedente.

In particolare è stato predisposto un nuovo schema di nota informativa che entra in vigore il 1 gennaio 2017.
Le forme pensionistiche complementari sono tenute tuttavia ad adeguare di fatto i propri documenti informativi entro la scadenza prevista per il prossimo invio della comunicazione periodica annuale e cioè entro il 31 marzo 2017.

Regolamento Covip 25 maggio 2016: novità

La disciplina in commento, che predispone il nuovo schema della nota informativa, prevede che il soggetto collocatore provveda all’atto dell’adesione alla consegna obbligatoria unicamente della prima sezione della medesima nota denominata “Informazioni chiave per l’aderente” contenente la relativa scheda costi, in sostituzione di tutta la documentazione informativa dapprima richiesta (nota informativa integrale, statuto/regolamento ecc..).
Relativamente alla scheda costi inserita nella sezione I succitata, si prevede che qualora l’iscritto in fase di adesione comunichi la contestuale iscrizione ad altra forma pensionistica complementare il soggetto collocatore provveda a far acquisire obbligatoriamente all’aderente la scheda costi del fondo pensione cui lo stesso risulti già iscritto (conservandone il documento firmato per presa visione).
Questa prescrizione nelle intenzioni dell’Autorità di vigilanza rappresenterebbe una misura efficace in termini di trasparenza e un ausilio concreto alla comparazione dei costi quale incentivo all’instaurazione di un regime concorrenziale e di par condicio tra le forme pensionistiche complementari operanti sul mercato cui anche il legislatore aspira. 
La disciplina del collocamento segue inoltre un iter di omogeneizzazione per tutti i fondi pensione relativamente alla profilatura del potenziale aderente mediante la predisposizione di un questionario di autovalutazione allegato al nuovo modulo di adesione.

Ecco il novero delle novità nel dettaglio:

1.    Nuovo schema di nota informativa e documentazione informativa da consegnare all’atto dell’adesione
 

L’adesione è preceduta dalla consegna gratuita della sezione I denominata “Informazioni chiave per l’aderente”.

Contestualmente è consegnato il documento La mia pensione complementare” recante una proiezione della pensione complementare in versione standardizzata. Copia della Nota informativa, dello statuto dei Fondi negoziali, del regolamento dei Fondi aperti o delle condizioni generali di contratto per i Pip, nonché l’ulteriore documentazione menzionata nella Nota, è consegnata in versione cartacea gratuitamente agli aderenti che ne facciano espressa richiesta. 

2.    Nuovo modulo di adesione con questionario di autovalutazione

Le principali novità del nuovo modulo di adesione sono le seguenti:

  • deve contenere l’indicazione dell’altra eventuale forma pensionistica cui il soggetto risulti iscritto e, in caso affermativo, è previsto l’onere in capo al soggetto collocatore di recepire la scheda costi di quel fondo firmata per presa visione dal soggetto interessato;
  • è allegato un questionario di autovalutazione.

3.     Raccolta delle adesioni via web

L’adesione on line viene regolata per la prima volta consentendo al soggetto interessato l’iscrizione tramite il sito web del fondo o del soggetto collocatore. È regolato anche il diritto di recesso da effettuarsi senza alcuna motivazione e senza costi entro 30 giorni. Il fondo rimborserà l’importo investito al netto delle spese di adesione ove trattenute.

Regolamento Covip 25 maggio 2016: dettagli

In vista dei necessari adeguamenti alla nuova disciplina Covip per il 2017 Mefop promuove degli incontri formativi che si svolgeranno nell’ambito dei workshop procedure, modulistica, cessione del V nei giorni 6 ottobre a Roma e 7 ottobre a Milano, con l’obiettivo di focalizzare gli adempimenti minimi che i fondi pensione sono tenuti a porre in essere in ossequio alle deliberazioni Covip del Maggio 2016.

Per maggiori informazioni e per l’iscrizione al workshop clicca qui.

 

Categorie: Fondi pensione Temi: Novità normative
  • Lorenzo Cicerocicero@mefop.it

    In Mefop dal 2008. Avvocato. Laureato in Giurisprudenza. È responsabile della consulenza e della formazione in materia legale, nonché del servizio Pillole. Collabora alla redazione delle pubblicazioni giuridiche.

LASCIA UN COMMENTO

Mefop è aperta ai commenti degli utenti (non più di 1.500 caratteri). Non verranno pubblicati i messaggi chiaramente ingiuriosi. Leggi l'informativa sulla privacy

Il campi segnalati da (*) sono obbligatori