Home > Blog > L’offerta di welfare delle Casse di previdenza: un’analisi a partire dai bisogni

Blog Mefop

L’offerta di welfare delle Casse di previdenza: un’analisi a partire dai bisogni

07/09/2017 - Daniela Vitalenessun commento

Le Casse di Previdenza, nel corso degli ultimi anni, hanno ampliato il loro ruolo a sostegno dei propri iscritti, integrando l’offerta di prestazioni previdenziali con servizi di natura assistenziale, volti ad affiancare e tutelare i liberi professionisti nell’esercizio della loro attività.

L’approvazione del “Jobs Act del lavoro autonomo” ha messo in luce e consolidato un ruolo che le Casse hanno già fatto proprio, mettendo nero su bianco la centralità delle Casse di Previdenza nell’erogazione di prestazioni di sicurezza e protezione sociale a favore dei professionisti.

L’offerta assistenziale delle Casse risulta quindi già ampia e strutturata e dalle caratteristiche molto variegate, anche in ragione delle peculiarità dei professionisti a cui i diversi Enti si rivolgono.

Consapevoli dell'importanza che il soddisfacimento dei bisogni degli iscritti in ottica di welfare integrato riveste per le Casse di previdenza, Mefop ha avviato un progetto di studio con un duplice obiettivo:

  • dare una panoramica esaustiva dell’offerta di prestazioni e dei servizi non previdenziali;
  • analizzare le modalità con cui le informazioni, utili per conoscere l’esistenza, le caratteristiche e le modalità di richiesta delle prestazioni, sono reperibili dagli iscritti sui siti web delle singole Casse.

L’analisi è stata condotta utilizzando come chiave di lettura i bisogni del libero professionista: le prestazioni offerte dalle Casse di previdenza sono state aggregate, infatti, in base a cinque categorie di riferimento individuate a partire dai bisogni dell’iscritto:

  • Professione: prestazioni e convenzioni finalizzate a sostenere l’attività professionale;
  • Reddito: prestazioni e convenzioni finalizzate a integrare il reddito del libero professionista e del suo nucleo famigliare sia nella vita quotidiana sia in caso di imprevisti;
  • Salute: prestazioni e convenzioni dirette a sostenere le esigenze del libero professionista e del suo nucleo famigliare legate allo stato di salute;
  • Famiglia: prestazioni e convenzioni dirette a coprire bisogni relativi al nucleo famigliare del libero professionista;
  • Acquisti: prestazioni e convenzioni finalizzate a offrire al libero professionista e al suo nucleo famigliare agevolazioni per attività non legate all’esercizio della professione (tempo libero, benessere e acquisti).

La stessa chiave di lettura è stata utilizzata per l’analisi delle modalità con cui le Casse forniscono le informazioni sulla propria offerta di prestazioni non previdenziali. Ci siamo quindi “messi nei panni” dei liberi professionisti e analizzato la comunicazione dell’offerta di welfare integrato sui siti web in base a tre criteri:

Reperibilità delle informazioni: per ciascuna prestazione è stato definito il grado di reperibilità (basso, medio, alto) delle informazioni utili all’iscritto per conoscere l’esistenza, le caratteristiche e le modalità di richiesta delle prestazioni e dei servizi sui siti internet;

Categorizzazione per bisogno: per ciascuna prestazione è stato definito se, all’interno del sito internet di ogni Cassa analizzata, le prestazioni sono segmentate in base ai bisogni degli iscritti e la navigazione del professionista è indirizzata, non solo in base alla tipologia (assistenza, welfare, convenzioni), ma anche in base alle sue specifiche esigenze (ad es: sostegno al reddito, salute...);

Presentazione organica dell’offerta: per ciascuna prestazione è stato definito se il sito internet di ogni Cassa è stato strutturato in modo tale che l’offerta complessiva sia presentata in maniera organica, raccogliendo in un’unica sezione o in sezioni contigue tutte le prestazioni e i servizi, indipendentemente dalla loro tipologia (assistenza, welfare, convenzioni), in modo da facilitare la navigazione del professionista e dargli una visione a 360° delle prestazioni e dei servizi offerti.

I risultati di questo studio saranno presentati al management delle Casse di previdenza il prossimo 23 ottobre, in un'occasione di confronto e dibattito sulle strategie che le Casse stanno ponendo o valutando di porre in essere per costruire un welfare a misura di iscritto.

articoli correlati

Jobs Act del lavoro autonomo e previdenza professionale – di Riccardo Pallotta 

Il Welfare delle Casse Professionali: le misure a sostegno degli iscritti – di Chiara Costantino

 

 

Categorie: Casse di previdenza Temi: Welfare integrato
  • Daniela Vitalevitale@mefop.it

    In Mefop dal 2008. Laureata in scienze della Comunicazione istituzionale e d'impresa, si occupa dei progetti di comunicazione istituzionale e on demand e dell’organizzazione dei percorsi formativi a catalogo.

LASCIA UN COMMENTO

Mefop è aperta ai commenti degli utenti (non più di 1.500 caratteri). Non verranno pubblicati i messaggi chiaramente ingiuriosi. Leggi l'informativa sulla privacy

Il campi segnalati da (*) sono obbligatori