Home > Blog > Casse di previdenza: il trend delle prestazioni e dei contributi

Blog Mefop

Casse di previdenza: il trend delle prestazioni e dei contributi

04/07/2016 - Antonello Motroninessun commento

Il quinto Rapporto AdEPP sulla previdenza privata “Previdenza, Lavoro, Professioni, Europa. Il valore sociale delle casse di previdenza privata” fornisce utili indicazioni sull’andamento delle prestazioni erogate e sui contributi incassati dagli enti.
Si tratta di due elementi strategici la cui osservazione può dare utili informazioni sullo stato delle casse. 

Tra il 2005 e il 2014 le prestazioni complessivamente erogate hanno subito una notevole variazione, passando da 338.743 a 452.265 (+32%)1. A fronte di una crescita media annuale delle prestazioni che è stata pari a circa il 3% (media aritmetica), è soprattutto negli ultimi anni che si sono registrati gli aumenti più consistenti (2010/2009 e 2012/2011 +6%, 2013/2012 +4%). 

Nell’intervallo considerato sono gli enti di previdenza dei liberi professionisti istituiti ai sensi del D. Lgs. 103/1996 a registrare i tassi di crescita più consistenti delle prestazioni, passando dalle poco più di 2 mila erogazioni alle quasi 40 mila del 2014. 
Si tratta di una evidenza coerente con il profilo demografico e lo status di tali enti. L’insieme raggruppa, infatti, gli enti di più recente formazione e con una platea di riferimento ancora relativamente lontana dalla pensione.

La numerosità delle prestazioni erogate dalle Casse professionali privatizzate ai sensi del D.Lgs 509/1994, più cospicua rispetto a quella degli enti 103/1996, presenta, di contro, un profilo di crescita sostanzialmente stabile e in linea con l’andamento delle prestazioni erogato dall’insieme degli associati AdEPP.
Anche in questo caso l’evidenza è coerente con il profilo di tali enti, operativi ormai da anni e con una platea più matura. 

Al pari del numero di prestazioni erogate risulta in aumento anche l’ammontare delle erogazioni corrisposte tra il 2005 e il 2014 dagli associati dell’AdEPP, che sono passate da 3,6 miliardi di EUR a 5,7 miliardi di EUR (+58%).
La quota principale di prestazioni viene erogata dagli enti di cui al D.Lgs. 509/1994 (81%), di contro quelle a carico dei più recenti enti ex D.Lgs. 103/1996, pur in crescita, risultano ancora estremamente contenute grazie a un profilo demografico più giovane rispetto alle altre casse. Appare ragionevole presupporre che nel corso degli anni a venire tale differenza tenderà a diventare sempre più marginale. 

Oltre che come erogatori di rendite pensionistiche, le Casse di previdenza si stanno sempre più caratterizzando come attori di welfare integrato. Gli enti si stanno impegnando nell’erogazione di prestazioni assistenziali oltre che come provider di prestazioni/servizi/risorse di cui i liberi professionisti possono beneficiare durante la carriera lavorativa, contribuendo in questo modo anche al rilancio della congiuntura economica.

Tale evidenza è confermata dai dati del rapporto Adepp. Anche se a fine 2014 le prestazioni IVS rappresentavano ancora una quota rilevante del totale delle prestazioni erogate (79%), rispetto al 2005 tale valore è diminuito di 5 punti percentuali.
Nello stesso periodo, inoltre, le prestazioni IVS sono cresciute del 26%, a fronte del 34% fatto registrare dal resto delle altre prestazioni erogate dalle Casse di previdenza.

L’analisi congiunta delle variazioni percentuali annuali delle entrate contributive, delle prestazioni erogate e degli iscritti attivi rivela una situazione in chiaroscuro

Le entrate contributive presentano dei tassi di crescita annuali in costante calo, ad indicare l’affievolirsi delle capacità contributive degli iscritti, fenomeno a cui non può certo dirsi estranea l’attuale fase economica.
L’andamento dei contributi risente anche delle dinamiche delle nuove iscrizioni, anch’esse in costante calo dal 2005 .
A fronte di una platea di contribuenti sempre più sottile e con una capacità contributiva sempre meno consistente l’andamento delle prestazioni erogate è caratterizzato da un andamento altalenante ma sostanzialmente stabile. 


1.  Il numero delle prestazioni erogate si riferisce all’intero universo delle prestazioni erogate dalle Casse di previdenza associate ad AdEPP, sono quindi incluse le prestazioni IVS, quelle assistenziali e quelle non rientrati tra le prime due (Cfr. V Rapporto AdEPP pag. 186). 

PER APPROFONDIRE

Quinto Rapporto Adepp sulla previdenza privata

Categorie: Casse di previdenza
  • Antonello Motronimotroni@mefop.it

    In Mefop dal 2006. Laureato in Economia e Commercio, si occupa di analisi economica e finanziaria ed è co-responsabile della gestione di Previ|DATA. Si occupa dei profili comunitari della previdenza integrativa.

LASCIA UN COMMENTO

Mefop è aperta ai commenti degli utenti (non più di 1.500 caratteri). Non verranno pubblicati i messaggi chiaramente ingiuriosi. Leggi l'informativa sulla privacy

Il campi segnalati da (*) sono obbligatori