Home > Blog > I flussi in entrata dei Fondi pensione italiani

Blog Mefop

I flussi in entrata dei Fondi pensione italiani

12/05/2020nessun commento

Flussi in entrata dei fondi pensione negoziali e aperti

I contributi raccolti dai Fondi pensione negoziali (Fpn) nel corso del 2019 ammontano in tutto a 5,3 mld. €, quasi tutti riconducibili alle diverse forme di contribuzione dei lavoratori dipendenti. Il Tfr rappresenta la voce contributiva più importante (3,1 mld. €); il flusso di Tfr, infatti, eccede la somma tra i contributi datoriali e quelli versati dai lavoratori, pari in tutto a 1,9 mld. €. 

La contribuzione restante è rappresentata dai contributi aggiuntivi del datore di lavoro, ovvero i contributi contrattuali che derivano dal meccanismo di adesione automatica al fondo pensione, e dalla quota di premi di risultato destinata a previdenza complementare, tra l’altro oggetto di specifiche agevolazioni fiscali (i premi non vengono tassati in fase di liquidazione e sono sottratti dall’imponibile ai fini Irpef, ma sono ancora poco utilizzati dagli iscritti per integrare la propria contribuzione ai fondi pensione). 

I valori molto contenuti del dato relativo al contributo contrattuale evidenziano un potenziale problema di adeguatezza del montante contributivo rispetto al fabbisogno pensionistico degli aderenti; la mancata integrazione delle posizioni rispetto ai soli contributi contrattuali, magari usufruendo dei benefici fiscali concessi dalla normativa in vigore, può senza dubbio compromettere l’obiettivo dei fondi pensione, e di conseguenza il benessere dei lavoratori. 

I lavoratori autonomi, i liberi professionisti, i soggetti fiscalmente a carico dell’aderente e le altre tipologie di iscritti hanno versato complessivamente 205,5 mln. € nel corso del 2019, e rappresentano di fatto una quota residuale del flusso contributivo in entrata dei Fpn. 
I contributi raccolti dai Fondi pensione aperti (Fpa) nel 2019, notevolmente inferiori rispetto ai Fpn, ammontano a 2,1 mld. €: i lavoratori dipendenti ne versano il 64,5%, mentre la restante parte fa riferimento agli autonomi e liberi professionisti (22,0%) e agli altri iscritti (13,5%). 

Tra le voci di contribuzione dei lavoratori dipendenti, la principale differenza rispetto ai Fpn è che i contributi a carico dei lavoratori superano quelli da Tfr (pesano infatti rispettivamente il 48,4% e il 40,9%), a causa della presenza delle adesioni individuali.
 

Flussi in entrata dei fondi pensione negoziali e aperti. Valori in percentuale

Per saperne di più

I contenuti di Pillole di Previ|DATA sono elaborati dai dati presenti su Previ|DATA Il database della previdenza complementare
Per maggiori informazioni sul servizio: previdata@mefop.it

Per ricevere sulla tua mail il numero mensile di Pillole di Previ|DATA compila la form

 

Categorie: Fondi pensione Temi: Pillole di Previ|DATA

LASCIA UN COMMENTO

Mefop è aperta ai commenti degli utenti (non più di 1.500 caratteri). Non verranno pubblicati i messaggi chiaramente ingiuriosi. Leggi l'informativa sulla privacy

Il campi segnalati da (*) sono obbligatori