Home > Blog > I costi dei Fondi pensione

Blog Mefop

I costi dei Fondi pensione

16/02/2020nessun commento

Tra le voci di costo previste dai fondi pensione figurano i costi di adesione: sono previsti da 27 fondi pensione negoziali (Fpn), 31 fondi pensione aperti (Fpa) e 28 piani individuali pensionistici (Pip). Nei Fpa e nei Pip tali costi sono totalmente a carico dell’iscritto, diversamente nel caso di adesione a un Fpn quasi sempre una parte del costo è sostenuta dal datore di lavoro. 

Dal punto di vista dell’importo delle voci di spesa i Fpn sono la forma pensionistica più conveniente, con un onere medio di adesione intorno agli 11 euro e una dispersione dei valori intorno alla media più contenuta.

Proseguendo in ordine crescente, i Pip presentano un costo medio di circa 29 euro che può variare da 1,50 a 120 euro, mentre l’adesione a un Fpa costa mediamente poco meno di 37 euro.

I costi per l’esercizio di prerogative individuali sono generalmente espressi in quota fissa dai fondi di nuova istituzione; solo una quota residuale di Pip prevede valori in percentuale della posizione oggetto di movimentazione.
Tali voci di spesa vengono applicate in caso di deflussi di risorse dalle casse del fondo (richieste di anticipazioni, trasferimenti, riscatti o RITA) e di riallocazioni della propria posizione previdenziale nelle diverse linee di investimento.

Con riferimento alla percentuale di forme pensionistiche che applicano costi fissi ad anticipazioni e riscatti, i Fpn superano nettamente Fpa e Pip, mentre nel caso delle commissioni per trasferimenti e riallocazioni i Fpa precedono i Fpn e i Pip. 

Mediamente, in tutti i casi i Fpn risultano più convenienti delle altre forme di previdenza complementare, confermando l’evidenza riscontrata analizzando le spese di adesione. Nei Pip, viceversa, si riscontrano i valori di costo più elevati del settore (più allineati ai Fpa quelli applicati ad anticipazioni, riscatti e trasferimenti, molto distanti in tutti gli altri casi).

I costi relativi alla rendita integrativa temporanea anticipata (o RITA) vengono applicati alle singole rate nella maggior parte dei fondi pensione, ma possono essere previsti in forma di spese annuali o una tantum. Anche in questo caso sono i Pip che applicano i costi medi più elevati, mentre i Fpa risultano i più convenienti,  ma sono la forma pensionistica che li utilizza maggiormente. 
 

Per saperne di più

I contenuti di Pillole di Previ|DATA sono elaborati dai dati presenti su Previ|DATA Il database della previdenza complementare
Per maggiori informazioni sul servizio: previdata@mefop.it

Per ricevere sulla tua mail il numero mensile di Pillole di Previ|DATA compila la form

 

 

Categorie: Fondi pensione Temi: Pillole di Previ|DATA

LASCIA UN COMMENTO

Mefop è aperta ai commenti degli utenti (non più di 1.500 caratteri). Non verranno pubblicati i messaggi chiaramente ingiuriosi. Leggi l'informativa sulla privacy

Il campi segnalati da (*) sono obbligatori